Frasi sulla cupidigia: è sempre una cosa sbagliata?

Pubblicato il: 6 Aprile 2020
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 votes, average: 3,50 out of 5)
frasi sulla cupidigia (avarizia)

Il desiderio smodato, la voglia di avere, l’avidità, la tendenza ad accumulare beni: tutti sintomi della cupidigia.

Le frasi sulla cupidigia ci raccontano di questa caratteristica e ci fanno riflettere: è davvero sempre negativo essere parsimoniosi?

    Le migliori citazioni sulla cupidigia con autore

  • Piangiamo sulla povertà, ma non inteneriamoci per l’avarizia nemmeno se è l’avarizia di un povero.
    Jules Renard
  • L’avaro è procuratore de’ suoi beni, e non signore.
    Toscani
  • L’avarizia delle persone, delle famiglie e delle nazioni può contagiare i meno abbienti come i più ricchi, e suscitare negli uni e negli altri un materialismo che soffoca lo spirito.
    Papa Paolo VI
  • L’avarizia è sempre in punto di morte, tutte le cose per essa si trasformano nel fuscello a cui si attacca nell’angoscia dell’agonia. L’avarizia vede dappertutto il fondo della cassetta, per essa il mondo è logoro fin dall’inizio. È sempre al verde.
    Walter Benjamin
  • I pensieri dell’avaro sono pesanti e lividi come il metallo ch’egli ama.
    Niccolò Tommaseo
  • I pensieri dell’avaro sono pesanti e lividi come il metallo ch’egli ama.
  • L’avarizia e il lusso, rovinosi malanni che hanno fatto crollare tutti i grandi imperi.
    Tito Livio, Attribuita A Marco Porcio Catone
  • Dovrai pur confessare che questa brama della ricchezza è per natura insita in tutti. Tutti infatti, in ogni età, in ogni condizione, in ogni onore, in ogni dignità, sono presi dal desiderio dell’oro, e cioè dell’avarizia, e godono dell’oro come di cosa ben nota ed affine.
    Poggio Bracciolini
  • All’avaro accade come allo smeriglio.
    Toscani
  • Gli uomini odiano coloro che chiamano avari solo perché non ne possono cavar nulla.
    Voltaire
  • La barba la portano gli avari per non comprare la cravatta.
    Jean Charles
  • La barba la portano gli avari per non comprare la cravatta.
  • Bisogna fuggire l’avarizia perché è un difetto molto brutto e cattivo, ma bisogna amare l’economia che è buona virtù e sorella della prudenza; essa è un grande aiuto alla carità.
    Victorine Le Dieu
  • Chi serba, Dio non gli dà.
    Toscani
  • Il prodigo è arrogante, l’avaro è meschino. La meschinità è meglio dell’arroganza.
    Confucio, Dialoghi
  • Allo Stato il denaro è necessario come i nervi che lo sostengono, e quando vi siano numerosi gli avari, essi devono esser considerati come la base e il fondamento di quello.
    Poggio Bracciolini
  • L’avaro non dà volentieri nemmeno quello che gli avanza.
    Fedro
  • L'avaro non dà volentieri nemmeno quello che gli avanza.
  • La gratitudine guarda al passato e l’amore al presente; paura, avarizia, lussuria e ambizione guardano al futuro.
    Clive Staples Lewis
  • L’avaro e il dissipatore hanno un solo e medesimo difetto. Entrambi non sanno far uso del denaro e per entrambi esso è motivo di infamia. Perciò con ragione entrambi ricevono uguale castigo, perché ugualmente non sono degni di possedere.
    Iperide
  • Fino a quel punto misera e partita
    da Dio anima fui [papa Adriano V], del tutto avara:
    or come vedi, qui ne son punita.

    Dante Alighieri, Divina Commedia
  • Questi fuor cerchi, che non han coperchio
    piloso al capo, e papi e cardinali,
    in cui usa avarizia il suo soperchio.

    Dante Alighieri, Divina Commedia
  • L’avarizia è la radice di tutti i mali.
    Proverbio
  • L’avarizia è la radice di tutti i mali.
  • Maladetta sie tu, antica lupa,
    che piú che tutte l’altre bestie hai preda
    per la tua fame sanza fine cupa!

    Dante Alighieri
  • L’avaro non fa mai bene se non quando tira le calze.
    Toscani
  • La avarizia è metropoli d’ogni ribbalderia.
    Salvator Rosa
  • Della miseria sua causa è l’avaro.
    Lucio Anneo Seneca
  • Della miseria sua causa è l'avaro.
  • Ai poveri mancano molte cose, ma agli avari manca tutto.
    Proverbio Emiliano Romagnolo
  • L’avarizia è la forma più sensuale di castità.
    Ennio Flaiano
  • Si diceva della vecchia Sarah, duchessa di Marlborough, che non mettesse mai i puntini sulle “i”, per risparmiare inchiostro.
    Horace Walpole
  • Con la mancanza di collera si vinca la collera; e con la bontà si vinca la cattiveria. Con la generosità si vinca l’avarizia, con la verità si vinca il menzognero.
    Buddha
  • L’avaro diventa ricco facendo mostra di essere povero, mentre il prodigo s’impoverisce facendo mostra di essere ricco.
    William Shenstone
  • L’avaro diventa ricco facendo mostra di essere povero, mentre il prodigo s’impoverisce facendo mostra di essere ricco.
  • Perfino le persone prodighe diventano, con un avaro, oculate, attente improvvisamente alla ripartizione delle spese.
    Giuseppe Pontiggia
  • L’avarizia degli uomini è tanto grande che ciascuno s’ingegna quanto può di prender molto dagli altri e di render poco.
    Giovanni Papini
  • L’avaro è come l’idropico; quanto più beve, più ha sete.
    Toscani
  • Chi serba, serba al gatto.
    Toscani
  • Il parsimonioso è il più ricco degli uomini, l’avaro il più povero.
    Nicolas De Chamfort
  • Il parsimonioso è il più ricco degli uomini, l’avaro il più povero.
  • Un avaro non può mai essere virtuoso.
    Antistene
  • Il generoso sta al prodigo come il parsimonioso all’avaro.
    Roberto Gervaso
  • L’avaro spende lo stretto necessario: il prodigo, tutto il superfluo.
    Roberto Gervaso
  • Io non sono avaro, solo pidocchioso. A Napoli si chiamano pidocchiosi tutti quelli che soffrono nello spendere cifre alquanto modeste. Magari sopra i cinquemila euro non ci fanno caso, ma sotto i cinquanta euro soffrono come bestie.
    Luciano De Crescenzo
  • Avaro. Smodatamente desideroso di conservare ciò che altre brave persone vorrebbero tanto ottenere.
    Ambrose Bierce
  • Avaro. Smodatamente desideroso di conservare ciò che altre brave persone vorrebbero tanto ottenere.
  • L’avarizia non solo è la più stolta delle passioni, ma anche la più dispotica, investe ogni aspetto dell’anima, distrugge ogni fondamentale ragione di vita spirituale. L’avarizia crea i più irresistibili legami con il contingente e l’effimero.
    Giovanni Vannucci
  • Chi sparagna, vien la gatta e glielo magna.
    Toscani
  • L’avarizia nasce dalla convinzione che certe cose ci sono necessarie mentre probabilmente non lo sono, e dal timore che ci venga tolto ciò da cui dipende il nostro sostentamento.
    Ari Kiev
  • L’avarizia in età avanzata è insensata: cosa c’è di più assurdo che accumulare provviste per il viaggio quando siamo prossimi alla meta?
    Marco Tullio Cicerone
  • L’avarizia comincia dove finisce la povertà.
    Honoré De Balzac
  • L’avarizia comincia dove finisce la povertà.
  • L’avaro non fa del bene a nessuno, ma fa a sé stesso il male peggiore.
    Publilio Siro
  • L’avarizia è naturale. Percorri pure tutta la città, le piazze, le case, i templi: se qualcuno affermerà di non volere più di quello che gli basti — la natura infatti è contenta di poco — ritieni di avere trovato la fenice.
    Poggio Bracciolini
  • Dio ha dato per penitenza all’avaro che né del poco né dell’assai si contenti.
    Toscani
  • Alcuni avari si sforzano di diventare prodighi, e innanzitutto di farlo vedere. I loro sforzi acquistano carattere atletico: quando tirano fuori il loro denaro, sembra che debbano sollevare pesanti manubri di ferro, che poi tirano sulla testa agli altri. Alcuni sono disperati per l’aumento dei prezzi che li riguarda, sicché la loro avarizia gli appare sempre più giustificata, e giorno dopo giorno comperano sempre di meno. Costoro ben presto se ne vanno in giro come misere ombre; prendono il posto dei poveri, ma questi poveri vengono disprezzati con ragione.
    Elias Canetti
  • Le frasi sulla cupidigia di cui non conosciamo la fonte

  • L’avaro, se ricco, non ha nessun parente.
  • Chi è stato l’inventore del puzzle? Un genovese quando gli sono cadute mille lire nel frullatore.
  • Gli scozzesi usano il preservativo tre volte: la prima al dritto, la seconda al rovescio, e la terza come chewing-gum.
  • L’avaro non vive, vegeta.
  • L’avaro non vive, vegeta.
  • Era così avaro che quando mandava il vestito in tintoria nascondeva due paia di calzini nelle tasche.
  • Ti chiedono indietro i 2 € che ti avevano prestato per le macchinette e poi hanno:
    – iPhoneX
    – T-Shirt da 150€
    – Rolex
    – Un amico in meno
  • Del denaro dell’avaro gode lo scialacquatore.

Tra i sentimenti meno nobili dell’animo umano troviamo questa tendenza a avere di tutto e di più. Potrebbe non essere necessariamente una cosa deplorevole, se non fosse che chi è affetto da cupidigia tende a non avere freni e non riesce a trattenere il suo desiderio di possesso.
L’etimologia del nome riporta a Cupido, ed infatti la cupidigia si trova anche nel campo dell’amore o del sesso, che dir si voglia.
La smania e lo struggimento che il giovane dio dell’amore provocava in colui che veniva colpito dalle sue frecce era, in fondo, una forma di cupidigia.

Un sinonimo potrebbe essere il desiderio, ma questo è più puro e lecito; dalla bramosia si differenzia perché essa è molto più ragionata rispetto alla componente impetuosa e non sempre equilibrata che caratterizza la cupidigia. Non è nemmeno avarizia, perché l’avido vuole tenere per sé tutto quello che ha, mentre il cupido vuole avere sempre di più.
Non sempre chi è affetto da cupidigia, che non è certo una malattia ma uno stato d’animo frenetico e struggente, se ne rende perfettamente conto.
La voglia di avere può apparire normale, almeno nelle prime fasi; quando diventa avidità e non c’è soddisfazione che riesca a bastare, allora si sconfina nella smania e nello struggimento, che si riassumono in cupidigia.

Scrittori e poeti hanno spesso citato questo sentimento, forse perché la frenesia che la caratterizza ben si presta ad essere narrata.
Per Dante, la cupidigia è rappresentata da una delle tre fiere che gli ostacolano il cammino, la lupa. É la peggiore delle tre, tra lussuria e superbia, ed è l’unica che viene punita nell’Inferno.
Inutile dire quanto sia poco serena e per niente appagata la vita di una persona che non sa sconfiggere la cupidigia. Tutto ciò che ottiene, siano essi beni materiali, amore o sesso, non gli basta e deve avere di più, quando la prima regola per essere contenti è saper godere di ciò che si ha, imparando ad accontentarsi.

Data di ultima modifica: 6 Aprile 2020

Privacy Preference Center

Cookie Tecnici

Questi cookie sono usati esclusivamente per poterti fornire il servizio di TrovaFrasi

cookie tecnici di trovafrasi

Pubblicità Personalizzata

Profilazione per annunci personalizzati

adsense

Analytics

Other