Frasi sugli scacchi: quando la strategia diventa un gioco

Pubblicato il: 3 Giugno 2021
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (8 votes, average: 4,50 out of 5)
scacchi

Per districarsi in questo complesso e affascinante gioco che é gli scacchi può essere utile leggere le più celebri citazioni sugli scacchi dei grandi campioni.

Le frasi sugli scacchi ci aprono le porte del mondo delle caselle bianche e nere e delle varie figure.

    Le migliori citazioni sugli scacchi con autore

  • Dicono che negli scacchi, bisogna uccidere la regina
    e poi la accoppi
    oh io, e tu?
    una cosa buffa, il re che si fa assassinare.

    Red Hot Chili Peppers
  • Compi 18 anni! Diventerai una pedina sullo scacchiere del grande esperimento democratico che definiamo America!
    The O.C.
  • Ho appena deciso ed è una ferma decisione di non giocare più a scacchi a livello competitivo. Giocherò alcune partite di esibizione: non voglio uscire dal mondo di scacchi completamente.
    Garri Kasparov
  • La ragazza indossava una vecchia camicia a scacchi di cotone liso con i bottoni automatici color perla e le maniche lunghe abbassate e aveva sempre un buonissimo odore di pulito, quello di chi merita tutta la tua fiducia e il tuo affetto anche se non ne sei innamorato.
    David Foster Wallace
  • Il gioco degli scacchi sono io.
    Salvador Dalì
  • Il gioco degli scacchi sono io.
  • In fondo (ma non vorrei essere frainteso o accusato di snobismo), essere un chirurgo di guerra è un gioco, come gli scacchi o il bridge, attività libere, non condizionate, senza secondi fini, che si praticano solo perché piacciono.
    Gino Strada
  • Le più alte facoltà della riflessione sono utilizzate più intensamente e con maggior profitto dal modesto gioco della dama che da tutta l’elaborata futilità degli scacchi.
    Edgar Allan Poe
  • Una volta Italo Calvino scrisse a Leonardo Sciascia che era praticamente impossibile ambientare una storia gialla dalle nostre parti essendo la Sicilia, disse pressappoco così, prevedibile come una partita a scacchi.
    Andrea Camilleri
  • Negli scacchi vanno avanti i pedoni. Gli umani e le loro armi…
    Magneto
  • Negli scacchi vanno avanti i pedoni. Gli umani e le loro armi...
  • Gli scacchi, come l’amore e la musica, hanno il potere di rendere gli uomini felici.
    Siegbert Tarrasch
  • Negli scacchi, come nella guerra, la chiave per vincere è anticipare la mossa che farà il tuo avversario. Pensare due mosse avanti.
    Traitor – Sospetto Tradimento
  • Dicono che un buon giocatore di scacchi riesca a prevedere venti mosse. Quindi ci sono partite nelle quali hai calcolato mentalmente tutte le mosse possibili: la partita è finita prima ancora di incominciare.
    Edward Burns
  • Tutta la vita dell’uomo, tutta la vita dell’intero universo, non è altro che un interminabile giuoco di scacchi sui due campi: bianco e nero; giuoco nel quale nessuno vince se non l’infausta morte.
    Wilhelm Heinrich Wackenroder
  • Io credo che gli scacchi siano un po’ come la vita: intimidiscono le persone, ecco perché hanno inventato la dama.
    Bobby
  • Io credo che gli scacchi siano un po' come la vita: intimidiscono le persone, ecco perché hanno inventato la dama.
  • Negli scacchi, per vincere bisogna uccidere. Nel go, bisogna costruire per vivere.
    Muriel Barbery
  • Credo che gli scacchi siano la cosa che si avvicina di più alle scelte che deve fare un generale davanti a un campo di battaglia.
    Gianluca Vialli
  • “Noi otto andiamo sempre avanti ed indietro mai per salvare i nostri regnanti da pericoli e guai.”… I pedoni degli scacchi.
    Bruce Wayne
  • I pezzi degli scacchi sono l’alfabeto che plasma i pensieri, e questi pensieri esprimono la bellezza astrattamente.
    Marcel Duchamp
  • I pezzi degli scacchi sono l'alfabeto che plasma i pensieri, e questi pensieri esprimono la bellezza astrattamente.
  • – Gli scacchi, quello sì che è un gioco.– Perché?– È un gioco di logica, di strategia.– No, è roba da cervelloni. Lo detesto.
    Le Ali Della Libertà
  • Uno scacchista non può che giocare d’intelligenza, di strategia, di lealtà. Non ci sono scacchi se non c’è libertà.
    Roberto Saviano
  • Gli scacchi somigliano alla pallacanestro: i giocatori si passano la palla finché non trovano un varco, proprio come negli scacchi, proprio come in un attacco che porta al matto.
    Bobby Fischer
  • Il calcio non è la guerra o una partita a scacchi. È uno sport dove la componente tecnica resta il requisito fondamentale.
    Gianfranco Zola
  • Di due attività che gli siano state insegnate, l’uomo generalmente preferisce la più difficile: nessun giocatore di scacchi gioca a dama.
    Bertrand Russell
  • Di due attività che gli siano state insegnate, l'uomo generalmente preferisce la più difficile: nessun giocatore di scacchi gioca a dama.
  • Tutti concordano nel sostenere che negli scacchi si sublima una mescolanza di impulsi omosessuali e aggressivi.
    Reuben Fine
  • Nella vita accade come nel gioco degli scacchi: noi abbozziamo un piano, ma esso è condizionato da ciò che si compiacerà di fare nel gioco degli scacchi l’avversario, nella vita il destino.
    Arthur Schopenhauer
  • Non sono mai riuscito a capire gli scacchi. C’è troppa scienza per essere un gioco, e c’è troppo gioco per essere scienza.
    Emanuel Lasker
  • Il tennis è come un gioco di scacchi. Devi manovrare, conoscere i punti di forza e debolezza del tuo avversario.
    Althea Gibson
  • Il tennis è come un gioco di scacchi. Devi manovrare, conoscere i punti di forza e debolezza del tuo avversario.
  • Nella vita le cose passano come nel giuoco degli scacchi; noi ci facciamo un piano: questo però rimane subordinato a quanto piacerà fare nella partita all’avversario, e nella vita al destino.
    Arthur Schopenhauer
  • Il NGF avrebbe aperto di fronte a noi panorami e orizzonti sempre più vasti nella ricerca della sua collocazione all’interno della scacchiera delle neuroscienze.
    Rita Levi-Montalcini
  • Il Go sta agli scacchi come la filosofia sta alla contabilità della partita doppia.
    Trevanian
  • Nella vita, a differenza degli scacchi, il gioco continua dopo lo scacco matto.
    Isaac Asimov
  • Strano gioco. L’unica mossa vincente è quella di non giocare. Che ne dice di una bella partita a scacchi?
    Joshua
  • Strano gioco. L'unica mossa vincente è quella di non giocare. Che ne dice di una bella partita a scacchi?
  • Anche la partita a scacchi non finisce con una vincita o con una perdita. Finisce quando i pezzi bianchi e quelli neri vengono tolti dalla scacchiera e rimessi nella scatola. Rimane allora qualcosa di diverso dalla vittoria o dalla sconfitta – rimane il ricordo di una trama che è stata tessuta, di una melodia che è stata suonata.
    Ernst Jünger
  • La vita è come la prima partita di scacchi. Quando inizi a capire come si muovono i pezzi, hai già perso.
    Carlos Ruiz Zafón
  • In fondo gli scacchi sono un gioco molto femminile. […] È la natura stessa del gioco. O metti a posto le tue cose come si deve, oppure sono guai.
    Marco Malvaldi
  • Gli scacchi sono lo sport più violento che esista.
    Garri Kimovič Kasparov
  • Gli scacchi sono lo sport più violento che esista.
  • Gli scacchi aiutano a concentrarsi e a migliorare la propria logica. Insegnano a giocare secondo le regole e ad assumersi la responsabilità delle proprie azioni, come risolvere i problemi in un ambiente incerto.
    Garri Kasparov
  • Un buon giocatore che abbia perduto agli scacchi, è francamente convinto che la sua perdita sia causata dal proprio errore, e lo cerca nel principio del gioco, ma dimentica che in ogni mossa, durante tutto il gioco, vi sono stati simili errori, che non una sola mossa era perfetta. L’errore sul quale concentra l’attenzione, lo nota solamente perché l’avversario ne ha approfittato.
    Lev Tolstoj
  • Il gioco degli scacchi in Africa non decolla. La colpa è di Gino Strada che non gli fa imparare le regole. Si giustifica così verso la comunità internazionale: “Non per essere razzista ma è un gioco troppo complicato. Prima devono imparare a giocare a dama poi tra qualche secolo ne riparliamo”.
    Maurizio Milani
  • Non c’è rimorso così forte come quello provocato dagli scacchi.
    H.G. Wells
  • Go sta agli scacchi come la filosofia sta alla contabilità della partita doppia.
    Trevanian
  • Go sta agli scacchi come la filosofia sta alla contabilità della partita doppia.
  • Se è in prigione è perché vuole stare in prigione. È uno stratega nato. Le sue mosse hanno sempre un significato. Pensate che abbia ucciso il suo compagno di cella a caso? No… è un pedone in meno sulla scacchiera. Fossi in voi cercherei il prossimo pezzo…
    Agente Della CIA
  • Ci sono delle similitudini evidenti tra i due giochi [cubo di Rubik e scacchi]. Risolvere il cubo non è questione di destrezza, ma di forza mentale. Mi interessa l’esplorazione delle potenzialità umane, saperle riconoscere e infine realizzarle. Credo che sia una buona definizione del concetto di futuro.
    Ernő Rubik
  • Gli scacchi richiedono una strategia trasparente: io so quello che hai tu e tu sai quello che ho io; non so quello che stai pensando, ma almeno so quali sono le tue risorse.
    Garri Kimovič Kasparov
  • Gli scacchi sono una tortura mentale.
    Garri Kasparov
  • Gli scacchi sono una tortura mentale.
  • Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
    Chi è contento che sulla terra esista la musica.
    Chi scopre con piacere una etimologia.
    Due impiegati che in un caffè del sud giocano in silenzio agli scacchi.
    Il ceramista che premedita un colore e una forma.
    Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.
    Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
    Chi accarezza un animale addormentato.
    Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
    Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
    Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
    Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.

    Jorge Luis Borges
  • Gli scacchi sono assolutamente e in modo enfatico il gioco del filosofo.
    Paul Morphy
  • Negli scacchi, i matti sono quelli che stano più vicini ai re.
    Mathurin Régnier
  • La matematica è il gioco più bello del mondo. Assorbe più degli scacchi, scommette più del poker, e dura più di Monopoli. E’ gratuita. E può essere giocata ovunque – Archimede lo ha fatto in una vasca da bagno.
    Richard J. Trudeau
  • Le frasi sugli scacchi di cui non conosciamo la fonte

  • Il rugby è una partita di scacchi giocata in velocità.

In molti pensano agli scacchi come a un soprammobile elegante o ad un passatempo per gente noiosa, per “nerd” o per anziani, ma questo longevo gioco da tavolo sta vivendo una nuova fiammata di popolarità grazie soprattutto alla serie tv “La regina degli scacchi” trasmessa su Netflix. Gli scacchi hanno origini antichissime. Una leggenda narra che l’antenato di questo gioco da tavolo, il chatarunga, venne inventato in India fra il IV e il V secolo d.C. da un bramino di nome Sissa per divertire il suo re, perpetuamente annoiato. Le più antiche menzioni del successore del chatarunga, chiamato chatrang, si trovano in poemi persiani del VII secolo che indicano l’India come culla del gioco. Dall’India gli scacchi passarono in Persia e, quando gli Arabi invasero queste regioni, gli scacchi trasmigrarono nell’Africa settentrionale e da qui in Spagna e in Italia all’epoca delle grandi invasioni arabe. Nel X secolo gli scacchi erano già diffusi in quasi tutta Europa.

Il gioco degli scacchi si svolge tra due concorrenti, ciascuno dei quali muove su una tavoletta quadrata divisa in sessantaquattro caselle, la scacchiera, una serie di pezzi dotati di diverse possibilità, cercando di immobilizzare il Re avversario, dandogli cioè “scacco matto”. L’espressione deriva da quella persiana shah mat, che significa “il re è morto”. Ogni serie di pezzi si compone di: un Re, una Donna, due Alfieri, due Cavalli, due Torri e otto Pedoni. Ogni pezzo ha un modo particolare di muovere: il Pedone, per esempio, può avanzare solo verticalmente sulla sua colonna (per catturare però si sposta diagonalmente su una delle colonne adiacenti), il Cavallo si muove a forma di “L”, l’Alfiere in diagonale e così via. Il pezzo più forte della scacchiera è la Donna, che cumula il movimento della Torre e quella dell’Alfiere.

Lo scopo degli scacchi è mettere il Re avversario in condizioni di non poter sfuggire alla cattura. L’offesa al Re nemico deve essere segnalata con l’espressione “scacco al Re”. Il giocatore che ha il Re sotto scacco deve muoverlo, oppure deve parare lo scacco: se ciò non è possibile, è scacco matto e la partita è finita. Quando invece la partita non termina con lo scacco matto o con l’abbandono di uno dei giocatori si dice che è patta. Il gioco degli scacchi necessita di approfonditi studi teorici, una ricca esperienza, intuito e nervi saldi. Le possibilità di combinazioni che si presentano al giocatore sono infinite, servono quindi strategie, tattiche e schemi ben definiti.

Data di ultima modifica: 3 Giugno 2021
X