Frasi sui social e il nuovo modo di comunicare

Pubblicato il: 13 Agosto 2019
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (9 votes, average: 3,78 out of 5)
Frasi sui social network

I social network sono piattaforme multimediali dove le persone si incontrano. Poco importa che si tratti della dimensione virtuale poiché sui social è possibile comunque scambiare due parole, confrontarsi, inviare messaggi e commentare. Il dialogo è costante, grazie al fatto della connessione in tempo reale tra gli individui.

Le frasi sui social raccontano l’evoluzione della comunicazione dopo la nascita dei social media.

    Le migliori sui social citazioni con autore

  • Non ho mai capito questi social network
    per me servono solo a fare i porci a letto.
    Ogni volta che nasce una nuova piattaforma
    mi fa l’effetto
    di un libro che ho già letto
    e poi non ho tutti ‘sti amici ma molti meno,
    mi danno affetto ma poi m’affettano come Goemon.

    Caparezza
  • Paradossalmente, la frase mi manca il tempo per fare le cose che mi piacciono, si sta lentamente trasformando in una frase diversa. Mi manca lo spazio fisico per pensare, intuire le cose che mi piacciono e che vorrei fare. Lo spazio fisico per trovare un libro che non cercavo. Lo spazio fisico per camminare e farmi venire delle idee. Il web e i social network chiudono le porte alla casualità che conosciamo, e aprono finestre di nuove casualità che dobbiamo ancora capire.
    Roberto Cotroneo
  • Per quanto riguarda il futuro, se parliamo del breve periodo sono molto preoccupato a proposito dell’Iran. Credo che il regime stia fronteggiando la sua crisi più grave, è una crisi strutturale che riguarda l’economia, l’ecologia, la cultura, la politica e l’etica. Dal mio punto di vista, è un momento di grandi sfide. Il passo in avanti potrà essere agevole o difficile. Questo dipenderà dalla leadership, se avrà o meno la saggezza di riconoscere che questa è una crisi esistenziale seria, non solo per il regime, ma anche per l’Iran; se accetterà l’inevitabile, ovvero di non essere stata in grado di gestire questa crisi e che quindi abbiamo bisogno di un certo tipo di cambiamento. Ma nel medio e lungo periodo, sono molto ottimista sull’Iran, perché tra tutte le società musulmane del Medio Oriente, questa è quella che ha combattuto più a lungo per la democrazia. È la società che ha uno dei movimenti femminili più attivi, la classe media istruita più vasta, è una società esperta in social media, ha avuto una diaspora di successo che può aiutare nella transizione verso la democrazia.
    Abbas Milani
  • Il weekend è stressante, amici e parenti pretendono di avere l’attenzione che già tutti i giorni dai a degli sconosciuti su Internet.
    Samanthifera, Twitter
  • Morirò senza sapere perché il computer mi chieda di connettermi a internet per risolvere un problema di connessione a internet.
    _iaci, Twitter
  • Morirò senza sapere perché il computer mi chieda di connettermi a internet per risolvere un problema di connessione a internet.
  • Prima di tutto, francamente, penso che i social media sono la toilette di internet.
    Lady Gaga
  • La pubblicità cambierà completamente in funzione dei social network, diventerà sempre più interattiva e personalizzata.
    Mark Zuckerberg
  • I social network ti permettono di mantenere i contatti e aiutano chi vuole promuoversi, l’importante è sapere gestire la situazione e non esagerare. Io, per esempio, sui social mi mostro come sono nella vita di tutti i giorni, mi fa piacere che si intraveda la mia normalità e, al tempo stesso, cerco di tutelare la mia privacy. Se posto una foto e so che poi diventerà pubblica lo faccio con consapevolezza: è per questo che su Instagram ho messo più filtri perché ci sono alcuni scatti che non vorrei circolassero troppo.
    Sarah Felberbaum
  • Oggi viviamo in un mondo interconnesso. Un mondo in cui è facile distrarsi, mentre molti stimoli cercano di catturare la nostra attenzione, dai social media ai dispositivi mobili.
    Cliff Bleszinski
  • Internet non è solo un veicolo, è una forma di cultura. La rete è innanzitutto un concetto filosofico.
    Jovanotti
  • Internet non è solo un veicolo, è una forma di cultura. La rete è innanzitutto un concetto filosofico.
  • I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli.
    Umberto Eco
  • I social media sono utili. Per comunicare cose di cui siamo orgogliosi, per ridere dei falsi necrologi che ci danno per morti prima che il nostro tempo sia finito. O per pubblicare anche belle notizie in tempi in cui tutti privilegiano quelle più cupe… Resto un sognatore, un po’ come Don Chisciotte.
    Kirk Douglas
  • A me piace essere connesso con il mondo, mi piace ispirare, insegnare e intrattenere attraverso il mio sito e la mia bacheca ricca di amici. Oggi abbiamo la fortuna di avere alla mano, il più moderno mezzo di comunicazione della nostra epoca. In rete esistono molte realtà, nascono nuovi social network e vengono create applicazioni che ci permettono di lavorare in ogni luogo con una batteria carica. Questo mondo, farà sempre più parte della nostra vita.
    Alessandro Borghese
  • Adesso Beppe Grillo esalta la democrazia di internet con la stessa foga con cui dieci anni fa sul palco spaccava un computer con una mazza per opporsi alla nuova schiavitù moderna inventata da Gates. La gente applaudiva estasiata allora, così come applaude estasiata ora. Si applaude l’enfasi.
    Daniele Luttazzi
  • TV e Internet sono perfetti perché trattengono gli stupidi dal passare troppo tempo in pubblico.
    Douglas Coupland
  • TV e Internet sono perfetti perché trattengono gli stupidi dal passare troppo tempo in pubblico.
  • La modernità si lega sempre con l’arcaico. L’essere dentro la rete ha un rapporto stretto con il divino e con la teologia. I social network sono una comunità dove le domande e le risposte sulla vita e sui temi dell’esistenza si ripetono, sono continue.
    Roberto Cotroneo
  • Che se potessi disegnare il futuro lo disegnerei con più biblioteche e meno Wikipedia, con più nonni e meno Social Network
    NickBiussy, Twitter
  • Il pubblico ama lo status quo. Vuole sentirsi dire che tutto è più o meno ok. Non discute la fonte delle notizie. Ci sono un sacco di informazioni là fuori, su internet. Però devi volerle cercare.
    Scarlett Johansson
  • È come se attraverso i nuovi mezzi che conosciamo molto bene, a cominciare dai social network, il mondo avesse aperto il suo catalogo: lasciandoci scegliere quello che vogliamo, ma anche permettendoci di inventare mondi che prima non c’erano nella nostra vita. Cambiando i linguaggi, inventando il nuovo libro del mondo che è di tutti, che tutti possono leggere, e che non è scritto in modo convenzionale.
    Roberto Cotroneo
  • Ho fatto la mia carriera grazie ad Internet e ai social media… tantissimo social media, tantissimo Instagram.
    Chiara Ferragni
  • Ho fatto la mia carriera grazie ad Internet e ai social media... tantissimo social media, tantissimo Instagram.
  • Internet conta per lo sviluppo del Paese più del petrolio. Muove informazioni, processi, dati, intelligenze. Non va controllato, va sviluppato.
    Antonio Di Pietro
  • Faccio parte di una generazione diversa dalle altre, la prima ad essere cresciuta con Internet. Sono stato abituato fin da piccolo a vedere cose nuove, tecnologie interessanti, cresciuto con Napster, Wikipedia, Aol, e tutto il resto. Facebook è un’evoluzione naturale, perché non fa altro che rimettere al centro il motivo stesso della esistenza di Internet, la connessione tra persone.
    Mark Zuckerberg
  • La tv è unidirezionale, mentre il web ti consente una forma di partecipazione assolutamente inedita, ti consente di entrare in contatto con tutti, partecipi alle discussioni anche con il governo, e questo non è mai accaduto prima. Ed è solo l’inizio di ulteriori cambiamenti perché man mano Internet diventa un esperienza sempre più personale.
    Mark Zuckerberg
  • Non sono single, sto con una persona su Internet che non sa nulla della nostra relazione. È avanguardia
    Samanthifera, Twitter
  • L’importante è che all’inferno ci dividano per social network.
    Samanthifera, Twitter
  • L’importante è che all’inferno ci dividano per social network.
  • Non sono di quelli che pensa che se non ho un messaggio su Twitter fresco di giornata il pubblico cambierà gusti musicali. Penso solo alle canzoni, a farle bene, che siano emozionanti, che arrivino attraverso qualsiasi mezzo a disposizione, dalla suoneria del telefonino alle casse del palasport. La musica è il social network più antico e quello che funziona di più. Il resto può aiutare ma senza pezzi si va poco lontano.
    Lorenzo Cherubini
  • Mi sono reso conto che non ero abbastanza vecchio per disinteressarmi dell’evoluzione del mondo dei giovani e delle sue convenzioni di dialogo. Per questo non potevo fare a meno dei social network. Qualsiasi cosa uno faccia non può prescindere dalla conoscenza delle nuove generazioni.
    Gianluca Vacchi
  • I social network fanno sì che tu resti a casa nella tua stanzetta a comunicare apparentemente con tutti gli altri, ma in realtà internet non è un qualcosa di esterno da te. Quando spegni internet spegni anche te stesso, o quantomeno una parte di te stesso. Magari una proiezione ideale di te stesso. Tutto questo comporta una forte dipendenza fisica, psicologica e la creazione di una realtà parallela. Esistono persone che stanno male se non scaricano tutti i giorni la posta. In America iniziano ad avere crisi di astinenza da BlackBerry. Questo perché il BlackBerry diventa una tua propaggine sensoriale. Sei tu, non è una cosa esterna. Quindi se non lo accendi, tu sei spento. Con internet la tua individualità si annulla in una individualità collettiva, e se non ci fai parte ti senti malato. Ed è molto più evidente, adesso, una relazione già emersa con l’avvento della tv: la tecnologia elettronica condiziona il modo con cui il pensiero esplora il reale.
    Daniele Luttazzi
  • Il testo, la musica, l’arte, la fotografia, il cinema, e in generale anche le immagini sono manipolabili, citabili, ricostruibili come fossero dei Lego della modernità, dei Lego pieni di senso che nessuno prima sapeva davvero come usare. Il lato emozionale dei social network ha fuso inconsci, per dirla con Jung, trasformandoli in collettivi, generando altri mondi e altre scritture. Ha cercato risposte in domande che si fanno nel vento del web, e a sua volta ha generato domande che nessuno prima aveva pensato esistessero. Siamo di fronte a un lenta rivoluzione sociale e culturale, che forse sarà lunga, e troverà molte resistenze. Ma che potrebbe cambiare tutto.
    Roberto Cotroneo
  • Siamo tutti collegati a Internet, come i neuroni in un cervello gigante.
    Stephen Hawking
  • Siamo tutti collegati a Internet, come i neuroni in un cervello gigante.
  • I media, i social network soprattutto, sottopongono questa generazione di adolescenti a stimoli che diventano addirittura più forti del normale sviluppo biologico. Più che la crescita fisica, anticipano atteggiamenti, comportamenti, pulsioni. E se il corpo è troppo giovane per vivere quelle esperienze sono guai.
    Leo Venturelli
  • Nessuno sa come il concetto di democrazia potrebbe mutare attraverso un’ideologia globale dei social network.
    Roberto Cotroneo
  • Gli amori dei social network sono romanzeschi, immaginifici, letterari e intensi. Hanno a che fare con la scrittura, con il tempo dell’attesa e con la distanza. Soffrono di vuoti improvvisi e di verità assolute, corrono con un tempo che non è il tempo delle cose normali, ma un tempo diverso, più veloce, più vero.
    Roberto Cotroneo
  • Credo profondamente in tutti i media che riescono a divulgare in tutte le direzioni in modo libero e diretto contenuti, saperi e la comunicazione culturale. Ho cominciato a usare YouTube e vari social network quando ancora la cultura istituzionale li considerava uno strumento amatoriale, un gioco per ragazzini. Oggi rispettabili editori ed aziende, perfino partiti politici, si avvalgono di strumenti come YouTube, Facebook o Second Life. Per me questi strumenti sono importanti e nobilissimi per la capacità di minare i centri del potere culturale. Il potere, si sa, chi ce l’ha, lo usa, quindi tutti gli strumenti orizzontali di comunicazione sono ciò che oggi è sotto attacco e dobbiamo difendere.
    Caterina Davinio
  • Questo è il bello dell’anarchia di Internet. Chiunque ha diritto di manifestare la propria irrilevanza.
    Umberto Eco
  • Questo è il bello dell'anarchia di Internet. Chiunque ha diritto di manifestare la propria irrilevanza.
  • Nel Fedro di Platone, Socrate diceva che la scrittura era una minaccia per la cultura perché a un libro non si possono fare domande. A Socrate mancava Internet.
    Luciano De Crescenzo
  • Vorrei riuscire a preparare 3 esami con la stessa facilità con cui gestisco 3 social network.
    Forcii, Twitter
  • Internet offre una ricchezza inestimabile di informazioni, conoscenza, contatti umani. E’ così grande che ha gli stessi pregi e gli stessi difetti del mondo reale: pieno di cose meravigliose e anche di porcherie e cose inutili.
    Roberto Vacca
  • Grazie a Internet, alla tv satellitare e alla loro tenacia, sono le iraniane insieme ai giovani i veri agenti del cambiamento di una società iraniana schizofrenica, in cui convivono, fra tradizione e modernità, ricchezza e ingiustizia, bellezza e tragedia, veli neri e foulard colorati.
    Lilli Gruber
  • Twitter mi chiede cosa sto facendo. Facebook cosa sto pensando. Foursquare dove mi trovo. Internet è la mia ragazza.
    Twitstupidario, Twitter
  • Twitter mi chiede cosa sto facendo. Facebook cosa sto pensando. Foursquare dove mi trovo. Internet è la mia ragazza.
  • I morti di fama. Benvenuti nella Nuova Rete, il tendone da circo sotto il quale folle oceaniche si creano un’identità e fanno di loro stesse un prodotto da promuovere, un marchio. Benvenuti dove miliardi di utenti documentano, condividono, amplificano e pubblicizzano ogni istante della loro vita e delle loro attività. Dove si alleano con altri marchi simili e alimentano la loro micronotorietà attraverso blog, Facebook, Twitter e decine di piattaforme e applicazioni, sfruttando l’approvazione d’impulso tipica dei social network. E dove rischiano di trasformarsi in ridicoli fenomeni da baraccone, condannati a venire presto dimenticati.
    Loredana Lipperini
  • Le prossime elezioni americane si vinceranno o si perderanno in Rete, la presenza e l’interesse che i candidati hanno sui social media è massima, in particolare sui principali tre social media che sono YouTube, Facebook e Twitter.
    Gianroberto Casaleggio
  • Non hai evitato di scriverlo, come se ogni pensiero che macinavi nella mente fosse così intelligente che ti sembrava un crimine non condividerlo. Su internet non si scrive a matita, Mark, ma con l’inchiostro. E tu hai scritto che Erica Albright era una troia, poi hai fatto una battuta ignorante sul cognome della mia famiglia e sui miei reggiseni e hai votato le ragazze più fiche dell’università. […] Le stronzate maligne le dici da una stanza buia perché ormai quelli come te sfogano così la rabbia.
    The Social Network
  • I social network, ad esempio, fanno sì che tu resti a casa nella tua stanzetta a comunicare apparentemente con tutti gli altri, ma in realtà internet non è un qualcosa di esterno da te. Quando spegni internet spegni anche te stesso, o quantomeno una parte di te stesso. Magari una proiezione ideale di te stesso. Tutto questo comporta una forte dipendenza fisica, psicologica e la creazione di una realtà parallela.
    Daniele Luttazzi
  • Quelli che mandano notifiche di giochi su facebook, sono i testimoni di Geova di Internet.
    TuiterHits, Twitter
  • Quelli che mandano notifiche di giochi su facebook, sono i testimoni di Geova di Internet.
  • Oggi, l’accozzaglia casuale del “gruppo”, spesso virtuale e telecomandato, fa sfogare la appartenenza nell’irrealtà dei social network. Sociale? Non si cerca uno schieramento, lo si trova. Non c’è più l’incognita del rossore delle guance e l’omofobia è facile come il maoismo, il nazismo, l’horror, il terrorismo, la destra e la sinistra. La responsabilità della scelta è talmente diluita da risultare alibi. La cattiveria moltiplicata per un numero ics di cattiverie senza faccia diventa miele. Gli effetti, anche quando sono raccapriccianti, vengono sminuiti facilmente. Non so cosa fare più che maledire i bulli, le sette dell’ignoranza, i pavidi, quelli che si spacciano per uomini veri, gli amanti dell’omologazione.
    Mina
  • Internet è un dono di Dio. Può offrire maggiori possibilità di incontro e di solidarietà tra tutti.
    Papa Francesco
  • Come si fa a non cedere al fascino discreto del tradimento quando siamo tutti costantemente sollecitati non più solo sul luogo di lavoro, ma anche su Internet e i social network? Per Meg Barker, la soluzione è semplice. Visto che nessuno di noi può essere del tutto soddisfatto della persona che ci vive accanto, è molto meglio accettare la possibilità di un ménage à plusieurs che ostinarsi a difendere la fedeltà. Peccato che quando si ami una persona si desideri poi anche essere l’unico oggetto del suo amore. Peccato che il tradimento porti con sé molte conseguenze, anche quando si capisce perfettamente che l’ideale del grande amore eterno è solo una finzione romantica.
    Michela Marzano
  • Internet è uno strumento di libertà e conoscenza, un formidabile strumento di pace che ha creato le fondamenta per una nuova civiltà.
    Gianfranco Fini
  • Le frasi sui social di cui non conosciamo la fonte

  • STUDIARE (verbo):
    Atto di messaggiare, mangiare, navigare su internet e guardare la tv con un libro aperto vicino.
  • STUDIARE (verbo):Atto di messaggiare, mangiare, navigare su internet e guardare la tv con un libro aperto vicino.

I social network permettono di superare le distanze e di sentire gli altri utenti vicinissimi. Si chiamano social proprio perché svolgono una importante funzione sociale. Frequentemente sui social nascono relazioni di amicizia e di amore. Peraltro la conoscenza avviene indagando i punti d’incontro e le cose in comune, controllando le reazioni agli altri post, i contenuti che si condividono e tutto ciò che unisce. La rete internet consente di navigare da un continente all’altro senza muoversi dalla propria casa, restando fermi di fronte allo schermo del computer o più semplicemente con lo smartphone in mano. Eppure la vicinanza è un fattore realmente presente poiché si può chiamare e videochiamare, vedendo le persone negli occhi, cogliendone la gestualità, percependo le emozioni.

Sui social network è quasi sempre disponibile una finestra dedicata alla chat per scambiarsi frasi augurali e messaggi privati. Se invece si preferisce scrivere pubblicamente è sufficiente utilizzare la propria bacheca per produrre riflessioni brevi o lunghe sugli argomenti preferiti. I social network sono diventati un mezzo fantastico per la diffusione delle informazioni. Ormai le vicende vengono narrate in diretta dagli utenti che pubblicano video girati con il telefonino. Non si aspetta più il classico telegiornale per sapere cos’è successo nel mondo ma si controllano le pagine dei social, potendo acquisire informazioni molto in anticipo rispetto ai canali tradizionali come radio e televisione. Sui social si ritrovano i vecchi amici di scuola. È un po’ come rispolverare l’album dei ricordi più dolci. Si possono fare bellissimi salti indietro nel tempo e ci si può incontrare di nuovo per rilanciare l’amicizia proprio grazie ai social.

Data di ultima modifica: 19 Agosto 2019

Privacy Preference Center

Cookie Tecnici

Questi cookie sono usati esclusivamente per poterti fornire il servizio di TrovaFrasi

cookie tecnici di trovafrasi

Pubblicità Personalizzata

Profilazione per annunci personalizzati

adsense

Analytics

Other