Le frasi sui peccati e sui vizi della società

Pubblicato il: 29 Gennaio 2020
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 votes, average: 4,10 out of 5)
frasi sui peccati

Peccati di gola, della carne, mortali e inconfessabili. Ma da quanti tipi di peccato è attraversata la nostra vita? I peccati, da quelli più lievi a quelli più intensi, sono connaturati all’essere umano.

Le frasi sui peccati ci raccontano di come questi ci tentino ogni giorni e di come sia facile cedere nel peccato.

Peccati: come si resiste agli impulsi?

Non si vuole intendere che l’uomo e la donna siano dei peccatori nati: essi, infatti, si adeguano al mondo che li circonda, assumendone pregi ma anche difetti.
Ma poi, ci siamo mai veramente chiesti cosa siano davvero i peccati? Secondo la tradizione cristiana i peccati, quelli definiti capitali, si concretizzano nell’avarizia, nella gola, nella superbia, nell’accidia, nell’ira, nell’invidia e nella lussuria. Ebbene, ognuno di essi, porta con sé diverse implicazioni impossibili da ignorare. Qualche esempio?
Pensiamo ai peccati di ira e lussuria: mentre il primo, infatti, caratterizza un agire umano violento, carico di risentimento e sempre pronto allo scontro, il secondo si riferisce a un eccesso peccaminoso di sessualità incontrollata. Se li mettessimo sul piatto della bilancia, quale peserebbe di più? Una risposta univoca è impossibile da dare una volta per tutte: l’iracondo, potenzialmente, può arrecare danno alla collettività intera ma il comportamento del lussurioso resta confinato nella sfera intima del soggetto.

Alle origini del peccato

Quando ci riferiamo alle origini del peccato, di certo, non vogliamo andare a scomodare i progenitori Adamo ed Eva. Benché a essi sia attribuibile la nozione di peccato originale, nel tempo, il termine ha raggiunto sfumature e connotazioni anche molto differenti le une dalle altre. Secondo alcuni, infatti, i peccati sono definiti tali giacché arrecano danno ad altri in modo totalmente consapevole e cosciente; per altri, invece, i peccati, anche se inducono l’uomo a perdersi nei meandri più oscuri dell’anima, sono l’unico strumento che gli è concesso per ritrovare se stesso, per capire qualcosa in più di sé. I peccati rappresentano l’essenza più pura dell’Io, la voce dell’inconscio che sprona gli uomini a combattere per tutte le cose in cui crede fermamente.

I peccati scevri dalla connotazione religiosa

Il retaggio culturale cristiano che portiamo con noi, spesso, ci induce a valutare i peccati come sentimenti e azioni che ci pongono contro il volere di Dio. Ma, a ben guardare, il peccato potrebbe risiedere nel non condurre una vita all’altezza dei nostri progetti, nell’ignorare il prossimo e le sue esigenze o nel non poter aiutare l’altro in difficoltà economiche pur avendone la possibilità. Il vero peccato, in definitiva, è proprio non vivere.

Data di ultima modifica: 29 Gennaio 2020

Privacy Preference Center

Cookie Tecnici

Questi cookie sono usati esclusivamente per poterti fornire il servizio di TrovaFrasi

cookie tecnici di trovafrasi

Pubblicità Personalizzata

Profilazione per annunci personalizzati

adsense

Analytics

Other

X