Le frasi sui pc: la tecnologia che é ormai fondamentale

Pubblicato il: 30 Giugno 2021
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (12 votes, average: 4,25 out of 5)
pc

Concepire oggi una vita senza personal computer sembra impossibile eppure l’invenzione di questo strumento come lo conosciamo oggi è avvenuta in tempi relativamente recenti, pur avendo fatto nel giro di 50 anni passi da gigante.

Le frasi sui pc ci raccontano della storia dei computer e del loro ruolo al giorno d’oggi.

    Le migliori citazioni sui pc con autore

  • La cosa triste, a proposito dell’intelligenza artificiale, è che le manca l’artificio e quindi l’intelligenza.
    Jean Baudrillard
  • Non provare mai a spiegare il computer a un profano. E’ più facile spiegare il sesso a una vergine.
    Robert A. Heinlein
  • Ci sono tre modi per rovinare una società: con le donne, che è il più comodo; con il gioco, che è il più veloce; coi computer, che è il più sicuro.
    Oswald Dreyer-Eimbcke
  • I computer non dovrebbero essere più capaci di noi, perché noi li abbiamo creati. In effetti è esattamente quello che hanno detto le scimmie su di noi.
    Toon Verhoeven
  • Funziona meglio se si mette la spina.
    Legge Di Sattinger, Arthur Bloch
  • Funziona meglio se si mette la spina.
  • Oggi ci sono i computer, ma la vera differenza rispetto a trent’anni fa è il processo: quasi mai un brano viene pubblicato come era stato concepito. Il compositore scrive otto battute, il cantante quattro, il risultato nasce da tanti compromessi. Io invece preparavo una canzone, Donna Summer o Cher la incidevano com’era.
    Giorgio Moroder
  • In futuro un computer potra’ forse pesare solo 1,5 tonnellate.
    Da “Popular Mechanics”, 1949
  • Il miglior computer che si possa mettere a bordo delle navi spaziali è l’uomo, ed è l’unico che può venire prodotto in grandi quantità da personale non addestrato.
    Wernher Von Braun, In Risposta A Chi Gli Chiedeva Se L’uomo Può Venire Sostituito Dai Computer Nei Voli Spaziali
  • Che bisogno ha una persona di tenersi un computer in casa?.
    Kenneth Olsen, Fondatore Della Digital Equipment, Alla Convention Della World Future Society, 1977
  • Che bisogno ha una persona di tenersi un computer in casa?.
  • Non sono l’unica persona che utilizza il suo computer principalmente con lo scopo di fregare il suo computer.
    Dave Barry
  • Gli scienziati dovettero fare migliaia di calcoli per creare la bomba (atomica) e determinarne i possibili effetti. I computer e le bombe atomiche, entrambi un prodotto della Seconda Guerra Mondiale, sono cresciuti insieme.
    Metal Gear Solid 2: Sons Of Liberty
  • Vedi, i primi tempi che lavoravi per la CIA le cose erano più chiare, lo sapevi che cosa ti aspettava. I cattivi portavano i baffi. Ora hai bisogno di un computer per sapere chi è il buono e chi è il cattivo, e se il computer si guasta è un bel casino.
    2 Sotto Il Divano
  • Ogni tecnologia crea nuove tensioni e nuovi bisogni negli esseri umani che l’hanno generata. Il nuovo bisogno e la nuova risposta tecnologica nascono dal fatto che ci siamo impadroniti della tecnologia già esistente: è un processo ininterrotto.
    Marshall McLuhan
  • Se il computer è un dio, è un dio del Vecchio Testamento con un sacco di leggi e nessuna pietà.
    Joseph Campbell
  • Se il computer è un dio, è un dio del Vecchio Testamento con un sacco di leggi e nessuna pietà.
  • Ritengo che OS/2 sia destinato ad essere il sistema operativo, e forse persino il programma, più importante di tutti i tempi.
    Bill Gates, 1987
  • Pensare? Perché pensare! Abbiamo dei computer che lo fanno per noi.
    Jean Rostand
  • C’è una malattia del computer che chi lavora con i computer conosce. È una malattia molto grave che interferisce completamente con il lavoro. Il problema con i computer è che si ‘gioca’ con loro!
    Richard P. Feynman
  • Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare.
    Edsger Dijkstra
  • Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare.
  • Immaginate se ogni giovedì le vostre scarpe esplodessero mentre ve le allacciate. Questo con i computer accade sempre, e nessuno pensa di protestare.
    Jef Raskin
  • Alla fine degli anni Sessanta c’era una grande fame di cultura, voglia di condividere sempre con gli altri. Oggi invece c’è la tendenza a stare da soli, a casa con il computer.
    Carlo Verdone
  • Penso che ci sia posto, sul mercato mondiale, per circa 5 computers.
    Thomas J. Watson, Amministratore Delegato IBM, 1948
  • La cosa che amo di più è il mio computer portatile. In Wikipedia, ci sono articoli, storia, matematica, scienze, religione. C’è tutto. È una biblioteca gigantesca.
    Bambino
  • Un computer una volta mi ha battuto a scacchi, ma non c’è stata partita con il kickboxing.
    Emo Philips
  • Un computer una volta mi ha battuto a scacchi, ma non c’è stata partita con il kickboxing.
  • Hardware: quando le persone della sezione software della vostra azienda vi dirà che quello è il problema. Software: quando le persone della sezione hardware della vostra azienda vi dirà che quello il problema.
    Dave Barry
  • E come col computer chi mette i virus | in giro ti vende l’antivirus.
    J-Ax
  • Un computer ti fa fare più errori e più velocemente di qualunque altra invenzione dell’uomo – con l’eccezione forse delle armi da fuoco e della tequila.
    Mitch Ratcliffe
  • Non importa quale computer abbiate deciso di comprare; a prescindere dal prezzo, nel momento in cui ritornerete alla vostra macchina, sarà diventato obsoleto come un qualsiasi mangianastri.
    Dennis Miller
  • Non importa quale computer abbiate deciso di comprare; a prescindere dal prezzo, nel momento in cui ritornerete alla vostra macchina, sarà diventato obsoleto come un qualsiasi mangianastri.
  • La donna è come un computer
    appena nuovo ce l’hai
    ci passi le serate
    e con gli amici non esci mai.

    Gem Boy
  • Il giornalista è un testimone, cioè uno che le cose le racconta quando le vede. Bisogna muoversi, viaggiare. Il giornalismo da computer vede una realtà già filtrata, e la legge in questo modo.
    Riccardo Cucchi
  • Avevo chiamato Bestia il mio computer, e lui mi ridicolizzava con insulti, improperi, mi chiamava Crapa pelata. Io uso un Macintosh, e mi terrorizzava: appena facevo una cazzata, aveva l’icona di una bomba con la miccia accesa e diceva: grave errore, irreversibile, compromette il sistema, e bisognava immediatamente fare qualcosa. Era vero terrorismo!
    Claudio Bisio
  • Attenzione. Robot ribelli.
    Computer Di Bordo
  • Non succede mai che sul letto di morte qualcuno dica: “Accidenti se solo avessi trascorso un po’ più di tempo con il mio computer”.
    Danielle Berry
  • Non succede mai che sul letto di morte qualcuno dica: “Accidenti se solo avessi trascorso un po’ più di tempo con il mio computer”.
  • La fantascienza è morta. Qui sono sicuro: la tecnologia l’ha uccisa. Persino mia madre non percepisce più come assurde le cose che prima erano fantascienza. Perché c’è il telefonino, il computer, l’iPod, il televisore ultrapiatto. È magia? No, è la tecnologia che ha vinto.
    Antonio Serra
  • Gli esperti sono formalmente unanimi: in linea generale, il computer che meglio si adatta alle vostre esigenze è quello commercializzato due giorni dopo che ne avete acquistato un altro.
    David Barry
  • Computer, eh? Ho sentito che tutto si riduce solo un mucchio di zeri e di uno …. non so come che questo mi permetta di vedere le donne nude, ma comunque funziona, Dio vi benedica ragazzi.
    Doug Heffernan
  • Il computer è così veloce perché non pensa.
    Gabriel Laub
  • Il computer è così veloce perché non pensa.
  • Alla Apple, quando facciamo un computer, sappiamo che dopo cinque anni è da buttare. Ma se fai bene il tuo lavoro, un film può durare per sempre.
    Steve Jobs
  • Hollywood ha fatto dei computer una cosa che spaventa; vedi invece come ti ricorda un volto amico? Come lo slot del floppy è un sorrisetto? È cordiale, è divertente e ha voglia di dirti “ciao”. E vuole dirtelo perché sa farlo.
    Steve Jobs
  • Quello che limita sul serio il progresso è la velocità delle linee e dei computer, e questa continuerà a migliorare.
    Massimo Marchiori
  • Falliamo, e l’IBM dominerà per cinquant’anni come un cattivo di Batman. “La compagnia dei telefoni”, chiamavano così la Bell, “la compagnia dei telefoni”. L’IBM sarà la compagnia dei computer, e dieci anni più tardi sarà la compagnia dell’informazione e questo è un gran male per il genere umano, perciò non c’è tempo di essere cortesi o realisti, perché se lo siamo la nostra prossima presentazione sarà di fronte a ventisei persone e al corrispondente di Guida al risparmio di Alameda.
    Steve Jobs
  • Quando voglio interagire con un computer, prima che sia pronto a dialogare mi tocca aspettare parecchi minuti dopo averlo acceso. È assurdo, queste macchine dovrebbero essere lì per noi, non l’inverso.
    Tim Berners-Lee
  • Quando voglio interagire con un computer, prima che sia pronto a dialogare mi tocca aspettare parecchi minuti dopo averlo acceso. È assurdo, queste macchine dovrebbero essere lì per noi, non l’inverso.
  • Quale ironia! La mia crociata contro la televisione è finita in maniera così scontata! Che sarebbe potuta scaturire dal computer dello sceneggiatore più imbranato di Hollywood!
    I Simpson
  • A Natale scorso ho preso il mio primo computer, e non ce n’è bisogno di ‘sti computer. Io, quando l’ho acceso, ho detto: “Oh, che figata, oh, internet”, vado in internet: non c’è niente su internet. Ma c’è informazione? Ce n’è troppa.
    Noel Gallagher
  • La cosa più straordinaria è che in principio c’è l’orrore per la pagina vuota. Ai miei occhi, ogni pagina presentava questo suo candore e io dovevo sporcarla. Non ripongo alcuna fiducia nel lavoro al computer: è un modo di scrivere troppo pulito, e i risultati giungono troppo in fretta.
    Günter Grass
  • Ogni giorno ricevo dagli editori uno o due libri con la preghiera di leggerli e riferire che cosa ne penso. Dopo una decina di pagine sono già in grado di dire se questi libri sono stati scritti con un computer o meno.
    Günter Grass
  • Le frasi sui pc di cui non conosciamo la fonte

  • I computer devono essere di sesso femminile. Nessuno a parte il creatore capisce la loro logica interna. La lingua che usano per comunicare con altri computer è incomprensibile a chiunque. Il messaggio “Bad Comand o file name” ci dà la stessa informativa che “Se non sai perché sono arrabbiata con te, non ho nessuna intenzione di spiegartelo”. Anche i tuoi più piccoli errori sono memorizzati nella memoria a lungo termine per il successivo recupero. Non appena ne prendi uno, ti ritrovi a spendere metà del tuo stipendio per i suoi accessori.
  • I computer devono essere di sesso maschile. Non appena ne prendi uno ti rende conto che se avessi aspettato un po’ di più, avresti potuto ottenere un modello migliore. Contengono molti dati, ma sono privi di intelligenza propria. Per avere la loro attenzione, devi accenderli. Dovrebbero essere lì per risolvere i tuoi problemi, ma per metà del tempo sono loro il problema.
  • La gente non è perfetta, la gente fa i computer: perché i computer dovrebbero essere perfetti?
  • La gente non è perfetta, la gente fa i computer: perché i computer dovrebbero essere perfetti?
  • La revoluzione informatica ha fatto guadagnare un sacco di tempo libero agli uomini. Il problema è che gli uomini lo passano con il computer
  • Se Bill Gates ricevesse un centesimo per ogni volta che Windows si blocca … oh, aspetta un minuto, lo fa già!

Le sue origini del pc sono molto antiche, se si pensa che il pc sia stato inventato inizialmente con lo scopo di fare di conto, come suggerisce l’origine latina del computer da computare, ovvero contare.

Dall’abaco ad Altair 8800

Sin da tempi remoti l’uomo ha cercato di trovare un modo per aiutarsi nelle operazioni matematiche, importanti per valutare il raccolto o effettuare scambi commerciali: ad esempio in Mesopotamia e in Cina c’era l’abaco, primordiale strumento di calcolo, mentre lo stesso Leonardo da Vinci, come si evince dai suoi disegni, progettò quella che sembrò essere una macchina per il calcolo che però non vide mai attuazione.
La prima calcolatrice risale al 1643: si tratta della Pascalina, dal nome del suo inventore Blaise Pascal, utilizzata per effettuare addizioni e sottrazioni.
In occasione della Seconda Guerra Mondiale ci fu la necessità di creare macchinari allo scopo di decifrare il linguaggio in codice di Enigma o di analizzare le curve balistiche: nacquero così il britannico Colossus e l’americano Eniac, un calcolatore imponente quanto una camera.
L’invenzione nel 1951 della Ram e poi dei microchip consentirono la creazione di computer più piccoli, non solo per scopi militari ma soprattutto domestico come l’Altair 8800.

Da Apple a Windows

Il primo personal computer risale al 1977 e si tratta dell’Apple II, realizzato dall’azienda di Copertino alla cui nascita ha contribuito il grande Steve Jobs; a questo segue il modello IBM Pc 5150 con tanto di scheda grafica a colori e tipici fosfori verdi (l’IBM, fondata da T.J.Watson, diventerà nel giro di poco tempo uno dei maggiori colossi informatici di tutti i tempi).
La Apple segnerò la nuova era del persona computer con il lancio di Macintosh nel 1984: appaiono dunque le prime icone colorate, il primo mouse e con esse il sistema operativo Mac Os. Quest’ultimo si scontrerà, come accade anche oggi, con il suo rivale Windows, che fa la sua prima apparizione nel 1985 grazie al genio indiscusso Bill Gates.
L’arrivo di internet negli anni 90 segna una nuova era per i personal computer: non si tratta più di avere uno strumento per fare di conto o scrivere testi, ma significa esplorare, conoscere, viaggiare e incontrare virtualmente gente lontana migliaia di chilometri stando seduti alla scrivania delle proprie case.

Data di ultima modifica: 30 Giugno 2021
X